Visita all’ Abbazia di Morimondo nel milanese

Itinerario di Milano



Itinerario caricato il giorno - Ultimo aggiornamento: 23/07/2021


Itinerario di viaggio Milano

L’Abbazia di Morimondo è un monastero cistercense che si trova nel milanese, ad una quindicina di chilometri dal capoluogo. Il borgo di Morimondo tra l’altro è annoverato nei borghi più belli d’Italia.

Descrizione

La storia dell’Abbazia comincia nel 1134, con l’arrivo dei primi monaci dal paese di Morimond, in Francia. L’Abbazia è da sempre stata fondata sul motto ora et labora. In virtù di questo motto, i monaci presenti nell’abbazia erano divisi in due tipologie. I monaci che si occupavano di lavori manuali erano chiamati conversi, mentre i monaci che si occupavano di lavori più teorici, come ad esempio i monaci amanuensi erano chiamati coristi. Pensate che i coristi ed i conversi vivevano in parti separate dell’abbazia e non mangiavano nello stesso refettorio. Nel 1245 e nel 1266 l’Abbazia subì dei saccheggi ed iniziò un lento declino. Tornò a splendere nel 1500 con la ricostruzione del chiostro. Nel 1798 iniziò una nuova era per l’Abbazia; questo fu l’ultimo anno in cui vissero i monaci in Abbazia. Attualmente infatti non vi sono monaci presenti stabilmente nell’abbazia di Morimondo. L’Abbazia venne quindi venduta a chiunque volesse acquistarla; venne addirittura frazionata. Nel 1982 l’Abbazia fu acquisita dal Comune che iniziò a restaurarla.

Abbazia di Morimondo


Abbazia di Morimondo – l’architettura

L’Abbazia presenta 4 stili differenti, francese, romanico, lombardo e primo gotico Lombardo del 1200. Caratteristico il fatto di estendersi per ben 4 piani. L’abside dell’Abbazia è quadrata, come segno di ritorno alla povertà e semplicità. Le pareti dell’abbazia erano spoglie perché il monaco conosceva talmente bene le scritture che affreschi o scritte alla parete non avrebbero fatto altro che distrarlo. La chiesa di Morimondo è a tipica croce latina e fu costruita tenendo come cardine principale l’ordinamento di San Bernardo, fede, speranza e carità. Pensate che comunque l’Abbazia fu costruita pensando al corpo di Gesù in croce. L’opera più antica presente è l’acquasantiera in pietra. Anche in Chiesa comunque c’erano distinzioni tra monaci coristi e monaci conversi, che avevano sezioni separate nel coro.


Vista laterale della Abbazia di Morimondo

Abbazia di Morimondo - le imperfezioni

Per costruire ed ultimare l’abbazia ci è voluto un secolo, questo ha originato diverse discrepanze di stili, che hanno dato vita a degli “errori” o meglio a delle imperfezioni nella costruzione della stessa. Osservando bene la chiesa di nota che l’abside non è esattamente al centro del transetto. Il pavimento non è in piano, ma è in salita. La navata sinistra si restringe rispetto alla navata destra. I rosoni sono differenti, uno è 6 metri e l’altro solo 3 metri. Le colonne ed i capitelli sono diversi tra loro.


Interno della Abbazia di Morimondo

Abbazia di Morimondo – la visita

La visita all’abbazia inizia visitando la Chiesa, e prosegue poi nel chiostro. Il termine chiostro significa luogo chiuso; luogo in cui si poteva comunicare solo con il cielo, come diceva San Paolo. I quattro lati del chiostro indicano le 4 virtù del monaco. Il lato nord indica l’amore a Dio; qui si trova la panchina dove l’abate era solito dare il compito settimanale ai monaci. Il lato est è il lato del disprezzo di sé; qui si trovano la sala capitolare, la sala dei monaci ed il dormitorio. Il lato sud è il lato del disprezzo del mondo e ci troviamo gli spazi riservati al refettorio ed alla cucina. Il lato ovest rispecchia invece il lato dell’amore al prossimo, e qui si trova la dispensa.


Chiostro della Abbazia di Morimondo

Ci spostiamo poi alla sala capitolare, dove venivano prese tutte le decisioni importanti riguardanti l’Abbazia. Pensate che era talmente importante per i monaci questa sala che per entrare dovevano scendere tre gradini in segno di umiltà. Passiamo poi allo scriptorium, dove i monaci copisti si occupavano di trascrivere i codici. Interessante anche la visita alla sala dei monaci, risalente al 1150. Da qui scendiamo ed arriviamo alla sala dei padri fondatori, costruita in stile borgognone. L’ultima parte della visita invece è dedicata all’orto dei semplici, dove i monaci hanno ricostruito un erbario medievale.

 

Come raggiungere l’Abbazia di Morimondo

In auto: L’abbazia si trova circa 50 km da Milano. Le uscite più vicine sono quelle di Bereguardo e di Lorenteggio. Una volta lasciata l’autostrada, percorrere la SS 494.

In treno: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Abbiategrasso. Da qui poi prendere l’autobus linea Z556 Abbiategrasso-Motta Visconti fermata Morimondo.


Il borgo di Morimondo vicino a Pavia


Condividi sui Social


Advertise itinerario
Milano
  • Stato: Italia

  • Fuso Orario: UTC +1

Milano, capoluogo lombardo, ha una popolazione di circa 1.3 milioni di abitanti. Con i suoi diversi settori industriali è la principale città industriale in Italia ed è come una calamita per designers, artisti, fotografi e modelle. Milano inoltre ha un bellissimo ed antichissimo centro storico costellato da palazzi e monumenti, motivo che spinge ogni giorno milioni di visitatori da ogni parte del mondo a visitare la città del fascino.


Itinerario di viaggio Milano
Italia
  • Moneta: Euro

  • Lingua: Italiano

  • Continente: Europa


L'italia è una repubblica parlamentare situata nell'Europa meridionale, con una popolazione di 60,6 milioni di abitanti e Roma come capitale. Delimitata dall'arco alpino, confina a nord, da ovest a est, con Francia, Svizzera, Austria e Slovenia; il resto del territorio, circondato dai mari Ligure, Tirreno, Ionio e Adriatico, si protende nel mar Mediterraneo, occupando la penisola italiana e numerose isole (le maggiori sono Sicilia e Sardegna), per un totale di 301 340 km². Gli Stati della Città del Vaticano e di San Marino sono enclavi della Repubblica.


Visita la nostra Mappa Interattiva delle attrazioni turistiche:

Mappa Interattiva e Fotogallery



Video



Da Porta Nuova a Piazza Gae Aulenti


Piazza Gae Aulenti


Lascia un Commento: