ferrara
Cosa Vedere a Ferrara

Cosa Vedere a Ferrara Castello Estense Castello Estense Museo Archeologico Museo Archeologico Palazzina Marfisa D'Este Palazzina Marfisa D'Este Palazzo Diamanti Palazzo Diamanti Casa Romei Casa Romei Cattedrale di Ferrara Cattedrale di Ferrara

Castello Estense


Il Castello Estense o castello di San Michele è un castello medievale immerso nel centro di Ferrara. È un grande blocco con quattro torri angolari.

Il 3 maggio 1385, il popolo Ferrarese, spinto alla disperazione di tasse e di inondazioni che li avevano portati in rovina, si portarono al palazzo del marchese Niccolò II d'Este per chiedere il parere di Tommaso da Tortona, alto funzionario ritenuto responsabile di questa grave situazione. Nicolò cercò di calmare la rivolta per tutto il giorno, ma alla sera era chiaro che la gente era sempre più arrabbiata e che la stessa sicurezza degli Estensi era in pericolo. L'ordine fu perciò quello di convocare il disonorato Tommaso, che fu dato alla folla, che lo ha letteralmente fatto a pezzi.

Questo episodio convinse il marchese che il palazzo di famiglia (oggi Palazzo Comunale) non era sufficiente a garantire la sicurezza della nobiltà in caso di rivolte. Ordinò quindi la costruzione di una fortezza difensiva sul lato nord del Palazzo, affidando il progetto all'architetto Bartolino da Novara. Venne usata una torre preesistente (Torre dei Leoni), che faceva parte delle mura difensive. La torre venne unita da mura ad altre tre nuove costruzioni per questo progetto. Tra la residenza Este e la nuova fortezza venne costruito un passaggio aereo (forse in legno) per permettere alle persone di fuggire da una all'altra parte.

Nel 1860 Ferrara venne annessa al Regno d'Italia. Il castello, ora di proprietà statale, venne acquistato per 70.000 lire nel 1874 dalla provincia di Ferrara che lo utilizzò come sede della Prefettura.


Torna alla mappa...

 Cortile Interno del Castello

Castello Estense

 Soffitto di una delle Sale

Castello Estense

 Facciata dell'orologio

Castello Estense

Museo Archeologico


Anche se ha il nome di Ludovico Maria Sforza, chiamato Il Moro, duca di Milano dal 1494-1499, il Palazzo fu commissionato da Antonio Costabili, importante nobile della corte del dottor Ercole I d'Este, segretario e ambasciatore per L'Este di Milano. L'edificio fu progettato da Biagio Rossetti, il più importante architetto ferrarese del Rinascimento, al quale il duca Ercole nel 1492 affidò il grande piano di riorganizzazione urbana della città. L'edificio rimase incompiuto fino agli anni '90 del secolo scorso quando il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, insieme al Comune di Ferrara, ha fornito interventi di adeguamento delle strutture e del restauro filologico del complesso architettonico e delle sue decorazioni pittoriche e del giardino, Sulla situazione del deterioramento e ha riportato la bellezza e l'importanza originali del Palazzo.

All’interno del Palazzo dal 20 ottobre 1935 è stato istituito il museo archeologico nazionale di Ferrara con il nome di “Regio Museo di Spina”. Il nome viene dalla civiltà di Spina la cui necropoli venne scoperta a Valle Trebba nel 1922 e da cui discendono i Ferraresi. Il museo si divide in tra sezioni: le sale dell’abitato di Spina, la sala delle Piroghe e le sale della Necropoli di Spina. Si trova infine il salone delle Carte Geografiche che offre una visione del territorio di Spina.

Torna alla mappa...

 Cortile interno

Museo Archeologico

 Vaso dell'esposizione permanente

Museo Archeologico

Palazzina Marfisa D'Este


Il palazzo è più conosciuto per il suo ex proprietario, Marfisa era una delle due figlie illegittime di Francesco d'Este, Marchese di Massalombarda. Nata intorno al 1554, è stata nominata da uno dei personaggi del romanzo l’Orlando Furioso.

Dopo la morte di suo padre e dello zio, Ercole II d'Este, entrambi senza eredi di sesso maschile, non le era permesso di assumere la signoria di nessuna delle proprietà. Dopo la morte di Marfisa, la palazzina passò alla famiglia Cybo-Malaspina fino al 1861, quando divenne proprietà della città. Nel 1910, il restauro ha cominciato a farne un museo, aperto nel 1938.

Sono circolate storie soprannaturali e macabre su Marfisa rafforzate da una mera decorazione rinascimentale. Esse comprendono storie su Marfisa che vagava attraverso la città a mezzanotte in un carro. Altre storie implicavano che Marfisa avrebbe attirato i giovani in questo palazzo e poi li avrebbe uccisi. La realtà era molto più mondana, poiché Marfisa morì, ma pochi anni dopo il marito con un matrimonio durato due decenni.


Torna alla mappa...

 Ritratto di Marfisa D'Este

Palazzina Marfisa D'Este

 Soffitto di una camera

Palazzina Marfisa D'Este

Palazzo Diamanti


Per accogliere la crescita di Ferrara, nel 1492 il duca Ercole I d'Este demolì le mura medievali a nord della città e l'architetto di corte, Biagio Rossetti, progettò un'espansione urbana conosciuta come l'Addizione Erculea. Rosetti fu commissionato da Sigismondo d'Este, fratello del duca Ercole I, per costruire questo palazzo alla prestigiosa intersezione di quello che doveva essere il Decumanus Maximus della "aggiunta urbana". Fu costruito tra il 1493 e il 1503; usata come residenza residenziale dalla famiglia Este e, a partire dal 1641, dal marchese Villa. Nel 1832 il palazzo fu acquisito dal Comune di Ferrara per ospitare la Galleria d’Arte Nazionale e l'Università Civica.

La caratteristica più suggestiva è il bugnato delle pareti esterne: è costituito da circa 8.500 blocchi di marmo bianco scolpiti per rappresentare diamanti, di cui il nome. Il posizionamento dei diamanti varia in modo da massimizzare la luce riflessa dall'edificio, creando un grande impatto visivo. All'interno, ha un tipico cortile rinascimentale con un chiostro e un pozzo di marmo. Quest'ultima è una caratteristica tipica dei giardini di Ferrara.


Torna alla mappa...

 Facciata del palazzo

Palazzo Diamanti

 Cortile Interno

Palazzo Diamanti

Casa Romei


Voluta e costruita dal mercante Giovanni Romei a metà del XV secolo si tratta di un edificio nel che unisce gli stili medievali a quelli rinascimentali. Venne abbellita in occasione delle sue nozze con Polissena d'Este.
Venne acquistata dallo stato Italiano nel 1898 divenendo un vero museo nel 1953 dove si possono osservare affreschi, statue e lapidari provenienti da altri edifici di Ferrara.


Torna alla mappa...

 Camino del Palazzo

Casa Romei

 Cortile interno

Casa Romei

Cattedrale di Ferrara


Il Duomo di Ferrara è una cattedrale cattolica romana e basilica minore dedicata a San Giorgio, santo patrono della città, è sede dell'arcivescovo di Ferrara ed è il più grande edificio religioso della città. La cattedrale si trova nel centro della città, non lontano dal Palazzo Comunale e dal famoso Castello Estense ed è collegato al Palazzo Arcivescovile con un passaggio coperto.

La costruzione dell'attuale edificio è iniziata nel XII secolo, quando la città fu estesa verso la riva sinistra del fiume Po. La nuova cattedrale è stata consacrata nel 1135. L'ex cattedrale, dedicata sempre a San Giorgio, si trova ancora sulla sponda destra del fiume fuori dalle mura della città ed è oggi nota come Basilica di San Giorgio fuori le mura.


Torna alla mappa...

 Altare principale

Cattedrale di Ferrara

 Una delle navate della Cattedrale

Cattedrale di Ferrara

 Facciata esterns

Cattedrale di Ferrara



Fotogallery


Ferrara. Una slideshow delle nostre migliori foto.

  • Casa Romei
  • Castello Estense
  • Castello Estense
  • Castello Estense prigioni
  • Castello Estense
  • Museo Archeologico Nazionale
  • Museo Archeologico Nazionale
  • Museo Archeologizo Nazionale
  • Museo Civico Scienze Naturali
  • Palazzo Schifanoia
  • Palazzo Diamanti
  • Palazzo Bonacossi
  • Palazzo Bonacossi
  • jquery slideshow
  • Palazzina Marfisa d'Este
Casa Romei1 Castello Estense2 Castello Estense3 Castello Estense prigioni4 Castello Estense5 Museo Archeologico Nazionale6 Museo Archeologico Nazionale7 Museo Archeologizo Nazionale8 Museo Civico Scienze Naturali9 Palazzo Schifanoia10 Palazzo Diamanti11 Palazzo Bonacossi12 Palazzo Bonacossi13 Palazzina Marfisa d'Este14 Palazzina Marfisa d'Este15
wowslider.com by WOWSlider.com v8.7