Jerez de la Frontera - Tio Pepe - Bodegas González Byass

Tio Pepe - Jerez de la Frontera



Itinerario caricato il giorno


Itinerario di viaggio Jerez de la Frontera

Vi portiamo all'interno della Bodegas Gonzales Byass (Tio Pepe),dove viene prodotto uno dei migliori sherry al mondo.

Descrizione

La Bodegas González Byass, meglio conosciuta come Tio Pepe, è una delle Bodegas produttrici di Sherry più importanti in Andalusia. Il logo è una bottiglia di vino con il cappello e la giacca rossa, famosa in tutto il mondo.

Visita del Tio Pepe


Jerez è la città più importante del triangolo dello sherry andaluso. Noi abbiamo visitato la Bodegas González Byass, meglio conosciuta come Tio Pepe, il cui logo è una bottiglia di vino con il cappello e la giacca rossa, famosa in tutto il mondo. La Bodegas si trova di fronte all’Alcazar ed è possibile visitarla tramite visite guidate. Noi abbiamo acquistato la visita guidata con degustazione di due bicchieri di vino. Grazie alla visita guidata abbiamo potuto visitare le viti utilizzate per la produzione e le cantine con le botti in cui viene invecchiato il vino. Le cantine vengono visitate da molti personaggi famosi e anche dai regnanti spagnoli, che appongono la loro firma sulle botti.


Itinerario di viaggio Jerez de la Frontera

Il fondatore del marchio González Byass fu Manuel María González Ángel, nel 1835. Suo zio Josè Angel (Tio Pepe) gli insegnò tutti i trucchi del mestiere per produrre un ottimo sherry. La cantina prese quindi il nome Tio pepe. La famiglia González iniziò ad esportare lo sherry nel Regno Unito con notevole successo, e nel 1844 decise di stringere un accordo commerciale con il suo agente inglese Robert Blake Byass.

Non dimentichiamo che la famiglia González fu molto importante per Jerez. Introdusse la luce elettrica, e portò acqua pulita in città. Introdusse il polo in Spagna e fondò il primo club di tennis.


Itinerario di viaggio Jerez de la Frontera

Oggi lo sherry González Byass è famoso in 102 paesi. Tutti conoscono il logo Tio Pepe, ormai considerato simbolo della Spagna. La piccola bottiglia di vino con cappello e giacca rossa andalusa, le mai sui fianchi e la chitarra spagnola ha davvero fatto il giro del mondo. Moltissimi i premi che le cantine González Byass hanno vinto, tra cui il primo posto per le cantine spagnole, ed inoltre è al sesto posto al mondo nelle 100 migliori cantine. Insomma visitare Jerez de la Frontera e non entrare in una cantina famosa come questa, non è possibile. Rimarrete incantati dalla passione e dall’attenzione che mettono nel produrre il loro sherry e ne scoprirete la bontà tramite la degustazione compresa nel biglietto d’entrata.


Itinerario di viaggio Jerez de la Frontera


Lascia un Commento:

Condividi sui Social

Jerez de la Frontera
  • Stato: Spagna

  • Fuso Orario: UTC +1

La frase "della Frontiera" si riferisce alla Frontiera di Granada, un territorio di frontiera situato tra il vecchio regno nazarí di Granada e la corona di Castiglia. Si trova a sud della penisola iberica, situata in una posizione centrale e ben collegata, è diventata il principale centro di comunicazione ed uno dei centri logistici e di trasporto dell'Andalusia occidentale. Le sue dimensioni e capacità di crescita hanno dato un maggiore dinamismo economico. Le quattro caratteristiche di Jerez de la Frontera sono il vino, i cavallo, il flamenco ed il motociclismo. La città è stata ed è conosciuta a livello internazionale per secoli come capitale del vino per il suo famoso Sherry. Un altro dei suoi tratti distintivi è il cavallo, la cui attrazione principale è l'allevamento del cavallo certosino, noto anche come cavallo di Jerez. È riconosciuta come la culla del flamenco dando grandi artisti come José Mercé o Lola Flores. Il Gran Premio motociclistico di Spagna, infine, viene disputato a Jerez de la Frontera ed è uno dei più seguiti al mondo.


Itinerario di viaggio Jerez de la Frontera
Spagna
  • Moneta: Euro

  • Lingua: Spagnolo

  • Continente: Europa


Organizzata sotto forma di monarchia parlamentare, la Spagna è situata nell'Europa sud-occidentale e occupa l'84,5% del territorio della penisola iberica.



Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list