Visita alla Fondazione Zani : la casa museo di Paolo e Carolina

Itinerario di Brescia



Itinerario caricato il giorno - Ultimo aggiornamento: 04/06/2021


Itinerario di viaggio Brescia

Visitate con noi la casa museo Zani di Cellatica in provincia di Brescia. All’interno capolavori di pittura, scultura e arte; e come cornice uno splendido giardino.

Descrizione

La fondazione Zani è nata in ricordo di Paolo Zani e della figlia Carolina, che hanno lasciato in eredità questa splendida Casa Museo con all’interno cimeli da tutto il mondo. A far da cornice alla villa, un meraviglioso giardino che la circonda in tutti i suoi lati. Paolo Zani è stato per oltre trent’anni il patron e fondatore della Liquigas rinomata società di ciclismo che ha lanciato campioni come Nibali e Basso. È scomparso nel 2018 all’età di 72 anni. Carolina, la figlia di Paolo è scomparsa all’età di soli 27 anni per colpa di un tumore. La fondazione è nata proprio con lo scopo di conservare e valorizzare tutte le opere d’arte conservate all’interno della villa di Cellatica, dove l’imprenditore visse.

Fondazione Zani


La fondazione ha lasciato intatta la disposizione di tutte le opere presenti, proprio come le aveva lasciate Zani, il quale negli ultimi anni aveva già iniziato a pensarla come un museo. La villa contiene soprattutto oggetti e complementi d’arredo del settecento, quindi romani, barocchi e rococò. Ogni sala della villa è chiamata proprio con il nome dell’artista o dell’opera d’arte principale che si trova nella sala. La villa è disposta su un unico piano, con tutto il parco attorno. La visita comincia dalla Sala di Canaletto dove si trova una particolare commode realizzata con la tecnica di André-Charles Boulle, artista che lavorò alla corte di Luigi XIV in Francia. Altro elemento francese che si trova nella stanza è il dipinto di François Boucher, artista di corte di Luigi XV. Il dipinto è in stile rococò ed è caratterizzato dall’utilizzo della tonalità della pelle con un rosa abbastanza acceso, chiamato anche “rosa Pompadour”.


Fondazione Zani, sala di Canaletto

In questa sala si trova anche un bellissimo tavolo ottagonale realizzato con marmo nero assoluto del Belgio. Pensate che la base di questo tavolo è un capitello di colore bianco. Altra tecnica molto particolare è la tecnica del micromosaico. Questa tecnica chiamata anche “del filato” fa sembrare l’opera un quadro dipinto ad olio, ma in realtà, guardandola con attenzione da vicino, il quadro è formato da microtessere a mosaico. Nella sala di Canaletto l’attrazione principale è il quadro del Canaletto “Il molo dal bacino di San Marco”. Questo quadro rappresenta il molo di San Marco con prospettive precise, grazie all’utilizzo della camera ottica, l’antenato della nostra macchina fotografica. Molto particolare in questo quadro, anche la veduta di Palazzo Ducale, che addirittura viene tagliato, per dare una prospettiva più viva sulla piazzetta di San Marco. A far da cornice a questa tela si trovano due moretti neri porta torcia, con vesti color oro.


Fondazione Zani, molo bacino di San Marco

Si passa poi ad una saletta adiacente abbastanza piccolina ricavata da una cabina armadio. Qui è esposta una commode d’ispirazione giapponese dal colore azzurro appartenente alla figlia di Paolo, Carolina. La prossima sala è quella da pranzo. Questa sala è chiamata sala di Maggiolini perché si trovano due cassettoni intarsiati in legno con diverse essenze, anche più di ottanta utilizzate assieme per creare un unico cassettone. Una volta che i nobili avevano banchettato si spostavano nelle wunderkammer, tradotto in stanze delle meraviglie, dove i nobili mostravano alcune delle opere più preziose che possedevano. Inoltre in questa zona si trova anche il bagno di servizio, anch’esso adornato con cimeli del tempo. Nella wunderkammer si trova anche una porta “nascosta”, che la fondazione ha deciso di riservare a delle mostre temporanee.


Fondazione Zani, sala dei Maggiolini

Adiacente alla wunderkammer si trova la sala delle pietre. Al centro di questa sala si trova una piscina, che lo stesso Zani usava per rinfrescarsi e rilassarsi. La sala è arredata in stile cinquecentesco, quindi con richiami romani, tra cui due busti degli imperatori. Splendida la colonna realizzata con marmo rosso egiziano. Il pavimento della sala e della piscina è realizzato in marmo. Altra splendida sala dove trascorreva molto tempo Carolina, è il salone dell’ottagono. In questo salone si trova una splendida opera del Tiepolo. La sala prende il nome dal tavolo ottagonale che si trova al centro del salone. Questo tavolo è realizzato in marmo nero del Belgio, con meravigliosi disegni con colori realistici riprodotti con l’utilizzo di diverse pietre dure. Pensate che questo è uno degli unici due tavoli ottagonali di marmo nero rimasti, l’altro si trova alla Galleria degli Uffizi. Sempre in questa sala si trova un’area arredata con opere in corallo siciliano, tra cui un presepe, appartenuto in passato alla famiglia Agnelli. Sul fondo della sala si trova un ampio paravento nero cinese, in lacca orientale.


Fondazione Zani, sala delle pietre

Per raggiungere la camera da letto partendo dalla sala dell’ottagono si passa dalla galleria dei vetri con quadri di pregio alle pareti. Ai lati oltre al bagno padronale, si trova anche una piccola nicchia con un paravento nero, con al centro una statua del buddha molto preziosa. L’ultima sala che andiamo a visitare è la camera da letto, chiamata Il Ridotto di Venezia, per i quadri che sono conservati all’interno. Appesi alle pareti si trovano opere di Pietro Longhi, che riprendeva le scene di vita quotidiana del settecento. In questa sala si trova anche una splendida commode color rosa appartenuta alla regina Vittoria. Finita la visita all’interno della villa vi raccomandiamo di visitare il rigoglioso giardino, che fa da contorno a questa splendida location.


Fondazione Zani, galleria dei vetri

Come arrivare a Fondazione Zani

Fondazione Zani si trova a Cellatica (BS) in Via Fantasina, 8.

E’ facilmente raggiungibile in auto grazie all’autostrada A4 Milano - Venezia Uscita Ospitaletto. Poi proseguite lungo la sp19 in direzione Cellatica Località Fantasina.

E’ collegata alla stazione ferroviaria di Brescia grazie all’autobus linea n.13.

E’ consentita la visita solo tramite prenotazione al n. + 39 030 25 20 479 oppure collegandovi al sito internet www.fondazionezani.com e compilando l’apposito form.


Ingresso a Fondazione Zani


Condividi sui Social


Advertise itinerario
Brescia
  • Stato: Italia

  • Fuso Orario: UTC +1

Brescia è una città e un comune nella regione della Lombardia ed è situato ai piedi delle Alpi , a pochi chilometri dai laghi di Garda e Iseo . Fondata oltre 3.200 anni fa, Brescia (nell'antichità Brixia) è stata un importante centro regionale sin dall'epoca pre-romana. Il suo centro storico contiene gli edifici pubblici romani meglio conservati dell'Italia settentrionale e numerosi monumenti, tra cui il castello medievale, la cattedrale vecchia e nuova, la rinascimentale Piazza della Loggia e la Piazza della Vittoria. La monumentale area archeologica del foro romano e il complesso monastico di San Salvatore-Santa Giulia sono diventati patrimonio mondiale dell'UNESCO come parte di un gruppo di sette inscritti come Longobardi in Italia, Luoghi del Potere. Brescia e il suo territorio sono stati "Regione europea della gastronomia" nel 2017.


Itinerario di viaggio Brescia
Italia
  • Moneta: Euro

  • Lingua: Italiano

  • Continente: Europa


L'italia è una repubblica parlamentare situata nell'Europa meridionale, con una popolazione di 60,6 milioni di abitanti e Roma come capitale. Delimitata dall'arco alpino, confina a nord, da ovest a est, con Francia, Svizzera, Austria e Slovenia; il resto del territorio, circondato dai mari Ligure, Tirreno, Ionio e Adriatico, si protende nel mar Mediterraneo, occupando la penisola italiana e numerose isole (le maggiori sono Sicilia e Sardegna), per un totale di 301 340 km². Gli Stati della Città del Vaticano e di San Marino sono enclavi della Repubblica.



Lascia un Commento: